REGOLAMENTO GENERALE FIERE
Collettivo Scrittori Uniti

Il presente regolamento segue al regolamento interno dei fondatori del Collettivo Scrittori Uniti. E’ valido dalla nascita del collettivo stesso e si estende, nelle sue modalità ed articolazioni, alla totalità degli eventi organizzati dal suddetto Collettivo.

Parte prima: scelta dell’evento e iscrizione
Il collettivo, durante l’anno solare, si riunisce per discutere e stabilire riguardo la possibilità di partecipare ad un evento letterario nel territorio italiano. Gli eventi possono essere fiere, congressi, sagre, feste di paese o qualsivoglia manifestazione che offra l’opportunità di esporre uno stand che batta stemma e nome del Collettivo artistico. E’ a pura discrezione dei fondatori del collettivo stabilire se partecipare ad un evento, che avverrà in questo caso sempre per votazione e che si concluderà con un verbale scritto.
Il verbale per il benestare della maggioranza dei fondatori alla partecipazione ad una data fiera, sarà sempre pubblicato e disponibile fra la documentazione interna del gruppo facebook e del sito web, in una sezione privata accessibile soltanto ai fondatori.

Parte seconda: reclutamento autori
In seguito alla delibera per la partecipazione alla fiera in questione, i fondatori in base alle loro esperienze pregresse, si impegnano a reclutare autori per la partecipazione all’evento. Viene anzitempo stabilita una quota di partecipazione per ogni autore, che sarà NETTA di spese accessorie come ad esempio l’affitto sale per presentazioni. La quota è assolutamente a discrezione dei fondatori che NON saranno tenuti a giustificare la scelta della stessa, che comunque risponderà SEMPRE a costi REALI SOSTENUTI dagli organizzatori. La quota versata dall’autore per la partecipazione all’evento, NON è oggetto di rimborso. Una volta incassata, non sarà restituibile. Le quote per la partecipazione ad un evento saranno raccolte al momento dell’adesione del partecipante dell’evento stesso e NON saranno accetti ulteriori autori dell’ultimo minuto. L’autore che decide di non partecipare dopo aver versato già la quota, dovrà trovare per suo conto il suo sostituto. Diversamente, sarà a discrezione del collettivo destinare quella quota per un altro partecipante.

Appendice A – Quota versata dall’autore per la partecipazione
La quota fiera versata dall’autore, che ha ottenuto il benestare di almeno 3/5 del collettivo per essere ammesso alla stessa (in questo caso si parla di AUTORE e non di LIBRO, che invece viene esaminato come prodotto dal comitato), coprirà TUTTO quanto concerne la presenza del suo libro nello stand. Tutte le iniziative correlate alla manifestazione, a discrezione dei fondatori del collettivo, sono incluse nella quota di partecipazione, nonché promosse e tutelate dai fondatori stessi che si preoccupano di gestirle e di salvaguardare l’immagine stessa dell’autore e della sua opera.
La quota fiera sarà pubblicata nella sua forma base (1 TITOLO) con i vari scaglioni di aumento in base ai titoli proposti per l’esposizione (MASSIMO 3) e comprenderà sia il costo di iscrizione alla fiera sia varie ed eventuali che riguardino l’esposizione del libro e la sua valorizzazione in stand per garantire la migliore visibilità ed appetibilità. Questi parametri saranno sempre presenti nel bando e personalizzati a seconda della fiera. ESEMPIO di quota per partecipazione ad una fiera: 30 euro per il primo titolo, 40 euro per due titoli, 50 euro per tre titoli.
Le copie per titolo saranno ricaricate solo in caso di SOLD OUT e comunque dopo approvazione di un fondatore del collettivo.

Appendice B – approvvigionamento libri, riscossione vendite, responsabilità e delegazioni
APPROVVIGIONAMENTO LIBRI: L’autore che ha ottenuto il benestare alla partecipazione alla fiera, deve presentarsi fisicamente (o con suo delegato, se il bando fiera CSU lo prevede) durante l’allestimento dello stand, poi obbligatoriamente nei momenti di turno assegnatigli dall’organizzazione ed in forma facoltativa nei momenti in cui non ha incarichi, ma restando in questo secondo caso all’esterno dello stand.
TURNI DA COMMESSO: Se la fiera si articola su più giornate, sarà presente allo stand durante i periodi di turno assegnatigli dai fondatori del collettivo e porterà via con sé i suoi libri prima del termine della fiera stessa. Quando la fiera prevede la giornata di preallestimento, NON saranno accettati libri il giorno di inizio effettivo della manifestazione. (segue in appendice C comportamento allo stand)
INCASSI DELLE VENDITE: I corrispettivi derivanti dalle vendite dei propri libri, per quanto concerne la parte in contanti, saranno IMMEDIATAMENTE restituiti all’autore al momento del suo congedo dalla fiera, in base alle RICEVUTE mancanti dal SUO taccuino ricevute. Le ricevute indicheranno sia i libri venduti in contanti sia i libri venduti con pagamento POS. Gli incassi derivanti dal pagamento con POS, saranno inviati all’autore ENTRO quindici giorni dal termine della fiera.
DELEGHE: se l’autore non può essere presente alla manifestazione ma desidera comunque partecipare alla fiera, dovrà delegare una persona di sua fiducia che potrà essere un autore partecipante alla fiera stessa o una figura terza. Il delegato avrà anzitempo inviato i suoi dati ai fondatori e questi ultimi avranno ricevuto una comunicazione da parte del delegato e delegante contro firmata in cui si evince lo scarico di responsabilità per libri e incassi verso il delegato, che si occuperà quindi di tutte le operazioni per conto dell’autore (APPROVVIGIONAMENTO e RITIRO libri nonché recupero degli incassi in contanti). Per i pagamenti tramite POS, il delegante otterrà su un suo conto corrente indicato l’importo delle vendite del suo libro in base alle ricevute del suo taccuino.
RICEVUTE VENDITE: ogni autore vende il suo libro al pari dei libri degli altri autori presenti in stand (segue appendice su norme di comportamento allo stand), e si preoccupa di fornire insieme ai libri un blocchetto ricevute personale contrassegnato con suo nome e cognome, che lui e i commessi utilizzeranno per dare all’acquirente del libro la ricevuta. Saranno le ricevute mancanti a far fede all’importo finale che il Collettivo Artistico dovrà restituire all’autore al momento del suo congedo dalla fiera.
RISCOSSIONE INCASSI: CSU NON trattiene alcuna percentuale sulle vendite degli autori. Il 100% del ricavato dalla vendita in base all’importo presente nella ricevuta e nel registro vendite sarà restituito all’autore.

Appendice C – Norme di comportamento allo stand
L’autore si presenta in fase di preallestimento o all’inizio del primo giorno di fiera con i suoi libri. E’ a sua discrezione l’abbigliamento da tenere durante la manifestazione, potrebbe venire richiesto da parte dei fondatori del collettivo di indossare un badge di riconoscimento fornito da questi ultimi. E’ richiesta massima puntualità di orario in base alle indicazioni fornite dagli organizzatori. Se si tratta di delegato, all’arrivo verrà consegnata in forma stampata la mail di comunicazione delegante-delegato firmata in originale da quest’ultimo.
L’autore o il suo delegato dovrà attenersi ai turni prestabiliti dagli organizzatori per la sua permanenza all’interno dello stand. Negli altri momenti, potrà stare all’esterno dello stesso in base all’indicazione degli organizzatori. Nel caso di firmacopie pre-autorizzato l’autore avrà il suo spazio dedicato negli orari prestabiliti.
Se l’autore organizza per proprio conto eventi correlati alla manifestazione, ciò è consentito con un preavviso che deve dare la possibilità di modificare le schedulazioni degli incarichi.
L’autore ha facoltà di partecipare alla stessa fiera con il suo libro anche nello stand della propria casa editrice o tipografia del caso (se questo ne ha una), ma NON in stand di terzi o con finalità similari a quella del collettivo.
L’autore partecipante alla fiera, durante i momenti di presenza all’interno dello stand (ad esclusione del firmacopie) dovrà vendere e promuovere i libri di TUTTI gli autori presenti nel banco con i loro libri. Un comportamento diverso da questo può comportare l’allontanamento immediato dalla manifestazione (a discrezione dei fondatori) e la diffida a partecipare a future manifestazioni con il Collettivo Artistico. Quando si troverà a vendere il libro di un altro autore, dovrà attingere dal blocchetto ricevute di quest’ultimo per l’emissione della prova di acquisto (ricevuta), nonché a segnare la vendita nel registro vendite generale.
L’andamento generale della fiera nell’ambito dello stand, il comportamento dei commessi, sarà sempre supervisionato da almeno un fondatore del collettivo o rappresentante delegato, sempre presente durante le fiere promosse ed organizzate dallo stesso. I fondatori del CSU possono anche non esporre loro libri durante l’evento e non sono tenuti a fare turni precisi; gli stessi hanno totale libertà di movimento e le loro decisioni sono insindacabili, nei limiti del presente regolamento.
Gli organizzatori della fiera si riservano la facoltà di allontanare un autore per comportamenti ritenuti non idonei durante la stessa.

Appendice D: libri non ritirati o abbandono prematuro della fiera da parte di un autore
Dal momento in cui un autore abbandona la fiera senza i suoi libri e senza aver richiesto esplicitamente l’incasso delle sue vendite per la parte in contanti, è a totale discrezione dei fondatori decidere cosa fare dei libri e degli incassi abbandonati in stand al termine della fiera. Tutto ciò salvo accordi diversi che devono SEMPRE essere autorizzati da almeno DUE fondatori del Collettivo, di volta in volta.

Appendice E: disposizione dei libri nello stand e organizzazione del materiale
Fino a quando non viene chiusa ufficialmente la possibilità di iscriversi ad una fiera, per raggiungimento del massimo autori o per raggiungimento data limite imposta dagli organizzatori, ci si può proporre inviando numero titoli o cofanetti, titolo autore e copertina dell’opera che parteciperà alla fiera. E’ a TOTALE discrezione dei fondatori del collettivo stabilire locazione e modalità di esposizione del libro nello stand che NON sarà mai modificata dall’autore. Gli organizzatori garantiscono una buona visibilità del libro in tutto il suo perimetro di copertina, sforzandosi di rendere uguali ed uniformi le esposizioni sia a livello estetico che di appetibilità dello stesso. Queste regole NON valgono nei casi di FIRMACOPIE dedicati, iniziativa che i fondatori si riservano di voler offrire o meno a seconda della tipologia di fiera stessa.
Al momento del pagamento della quota pattuita vengono comunicati i dati relativi alle opere. Ogni opera avrà una copia esposta e dovranno essere sempre MINIMO 3 e MASSIMO il numero inserito nel bando della fiera stessa, come copie di scorta nel magazzino di STAND. Eventuali ricariche dovranno essere autorizzate dal collettivo nell’ordine di almeno un fondatore ed avverranno solo nel caso di SOLD OUT delle venti già fornite inizialmente.

Parte terza: selezione opere e autori

La scelta da parte dei fondatori e organizzatori delle fiere nell’ambito del collettivo artistico, è insindacabile da parte degli autori partecipanti. Questi ultimi non hanno vincoli associativi di alcun genere nei confronti del collettivo ed al termine dell’evento per il quale hanno pagato quota contributiva non devono alcun onere ne dovere nei confronti del Collettivo.

La selezione delle opere meritevoli di partecipare alla manifestazione in questione, avviene sia tramite la selezione autori del comitato S.E.U. (Scrittori Emergenti Uniti), sia tramite comitato interno del Collettivo (sempre almeno due fondatori). Possono partecipare tutti i libri SELF o con CE provvisti di codice ISBN, che saranno selezionati per qualità di editing e di interfaccia editoriale (es. possono essere scartati libri perché non editati o perché facenti parte di case editrici riconosciute come palesi EAP oppure con copertine che vanno ad intaccare il decoro sociale). Il CSU è contro l’editoria a pagamento, pertanto discriminante della selezione di un libro può essere la casa editrice. Il comitato CSU non è obbligatoriamente tenuto a dare spiegazioni inerenti al rifiuto di un libro, mentre viene sempre garantita una consulenza privata gratuita quando il libro è idoneo ma necessita di miglioramenti per essere in linea con le richieste di mercato attuali ed ottenere il livello di appetibilità ottimale per il pubblico. Tutte le opere ammesse la prima volta hanno possibilità di partecipare alla fiera successiva senza dover ottenere nuovamente approvazione da parte di alcun comitato. Il Collettivo Scrittori Uniti prende in considerazione e sotto esame TUTTE le opere scritte in lingua italiana di qualsiasi autore che desideri partecipare alla fiera in questione.

Nei giorni precedenti all’inizio della fiera tutti i partecipanti iscritti e confermati riceveranno nel gruppo fiera relativo creato su facebook il catalogo completo dei libri suddivisi per titolo e genere, di modo che possano orientare l’acquirente nello stand a scegliere al meglio il suo prodotto almeno in base al genere. I commessi non sono tenuti a conoscere nel dettaglio trame e personaggi dei libri di tutti i partecipanti, ma devono saper consigliare il lettore e devono essere in grado di dire al potenziale acquirente se l’autore del libro scelto si trova in stand.

E’ fatto divieto a tutti gli autori di lasciare beni di valore incustoditi nello stand, dei quali è l’unico responsabile.

Contenziosi: i fondatori del Collettivo Scrittori Uniti, in caso di perdita o furto di libri o materiale degli autori partecipanti in stand, nonché di ricevute mancanti che non diano la possibilità di verificare un’effettiva vendita, non sono tenuti ad alcun rimborso nei confronti dei partecipanti per queste casistiche. I fondatori del collettivo si impegnano a garantire la massima buona fede e collaborazione affinché questi eventi non si verifichino, nell’ambito delle loro possibilità, fatto salvo situazioni di forza maggiore.

In fede
I fondatori CSU

Claudio Secci
Massimo Procopio
Jessica Maccario
Manuela Siciliani
Manuela Chiarottino

error: Content is protected !!